News

Amnesty. A Rafah rischio reale e imminente di genocidio. Cameron: Israele rifletta, subito cessate il fuoco

AgenPress –  “La maggior parte delle persone a Rafah sono già fuggite da altre zone di Gaza dopo che le autorità israeliane hanno ricevuto l’ordine di evacuare. I civili non hanno nessun posto dove andare per sfuggire ai bombardamenti e si trovano ad affrontare il rischio reale e imminente di genocidio”.

Lo scrive su X Amnesty International, precisando che “la popolazione di Rafah è aumentata di cinque volte da quando è iniziata l’offensiva israeliana in ottobre e ora le forze israeliane si stanno preparando a lanciare un’operazione di terra a Rafah”.

Il ministro degli Esteri britannico David Cameron afferma che è “impossibile vedere” come Israele possa lanciare un’offensiva a Rafah con così tanti civili che si rifugiano lì.

“Siamo molto preoccupati per ciò che sta accadendo a Rafah”, ha detto Cameron ai giornalisti lunedì, sottolineando che molte delle persone che attualmente si trovano nella città meridionale di Gaza “si sono spostate quattro, cinque, sei volte prima di arrivare lì”.

“E davvero, pensiamo, è impossibile vedere come si possa combattere una guerra tra queste persone. Non c’è nessun posto dove possano andare. Non possono andare a sud, in Egitto. Non possono andare a nord e tornare alle loro case perché molti sono stati distrutti”. 

“Vogliamo che Israele si fermi e rifletta molto seriamente prima di intraprendere qualsiasi ulteriore azione. Ma soprattutto, ciò che vogliamo è una pausa immediata nei combattimenti, e vogliamo che questa pausa porti a un cessate il fuoco, un cessate il fuoco sostenibile senza ritorno, a ulteriori combattimenti. Questo è ciò che dovrebbe accadere ora”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *