News

Anna Maria, OSS: “gli Operatori Socio Sanitari non possono sviluppare gli Emogas, non lo prevede la Legge”.

Ci scrive Anna Maria, OSS: “ho chiesto a sindacato e Caposala, gli Operatori Socio Sanitari non possono sviluppare gli Emogas, non lo prevede la norma”.

Buongiorno Direttore,

ho letto la risposta sull’Emogas (EGA) per gli OSS. Mi sono informata tramite sindacato, che ha contattato anche la mia Caposala, la stessa che ci voleva far seguir un corso per Emogasanalisi.

Ci è stato riferito da ambo le parti che gli OSS non hanno nessun obbligo di fare l’Emogas perché non rientra assolutamente nel ruolo dell’Operatore Socio Sanitario, anche se la prevede l’organizzazione lavorativa interna del reparto o struttura.

Devono essere ufficializzati dalla sanità regionale. Basta vedere come era stata bocciata la richiesta del governatore del Veneto Zaia alla richiesta di voler far svolgere certe operazioni di ruolo infermieristico agli OSS.

E’ vero che in certi ambiti questo compito viene svolto dagli OSS: vuoi per la paura o per sentirsi più valorizzati non è da considerarsi obbligatorio. C’è il rischio di commettere un abuso di ruolo. Noi non siamo sanitari.

Per la formazione e migliorarla sono d’accordo ma bisogna sempre considerare la responsabilità che gli OSS hanno nello svolgere lavori che non rientrano nel proprio ruolo.

Mi ripeto il rischio di abuso di ruolo è molto facile.

Cordiali saluti.

Anna Maria, OSS

Leggi anche:

Raffaela, OSS: “mi sono rifiutata di sviluppare un EGA al Medico e ora sono stata richiamata dalla Direzione Sanitaria”.

Anna Maria, OSS: “l’Operatore Socio Sanitario è obbligato ad utilizzare l’analizzatore di Emogas?”.

Emogasanalisi: come leggere e interpretare un EGA.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *