News

Archie Battersbee. La famiglia chiede che venga trasferito in un hospice. Italia e Giappone disponibili ad assisterlo

Home Estero Archie Battersbee. La famiglia chiede che venga trasferito in un hospice. Italia…

AgenPress – La famiglia del dodicenne Archie Battersbee ha chiesto il permesso legale di trasferirlo dal Royal London Hospital a un hospice.

In un’udienza giovedì pomeriggio l’Alta Corte esaminerà la richiesta, dopo che la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha rifiutato una richiesta di posticipo della sospensione delle cure.

La madre di Archie ha detto che voleva che suo figlio “si dicesse addio in un pacifico Hospice. “. I medici hanno replicato che c’è un “rischio significativo” nel spostarlo.

Il supporto vitale, inclusa la ventilazione meccanica e i trattamenti farmacologici per Archie, è attivo da aprile.

Resta inteso che non verranno apportate modifiche alle cure di Archie mentre sono in corso le procedure legali.

Le cure avrebbero dovuto essere sospese mercoledì, ma  è stato ritardato affinché la CEDU prendesse in considerazione l’appello della sua famiglia.

Tuttavia, la CEDU ha affermato che “non interferirà” con le sentenze dei tribunali del Regno Unito, aprendo la strada all’interruzione delle cure.

In una dichiarazione, ha detto: “Prego che l’Alta Corte faccia la cosa giusta”.

“Se ci rifiutano il permesso di portarlo in un ospizio e di ricevere ossigeno palliativo, sarà semplicemente disumano e nulla sulla ‘dignità’ di Archie.

“Lotteremo fino alla fine per il diritto di Archie a vivere”. La signora Dance ha detto che vuole che suo figlio “si metta in un pacifico ospizio per salutare e trascorrere del tempo con la sua famiglia, senza interruzioni per il rumore e il caos”.

Il Christian Legal Center, che sostiene la famiglia, ha affermato che la domanda, presentata giovedì mattina, chiedeva di trasferire Archie in un ospizio e di somministrare ossigeno palliativo una volta rimosso il suo ventilatore.

Dance critica il sistema sanitario e giudiziario inglese e racconta che vi sarebbero state strutture messe a sua disposizione “in Paesi come Italia e Giappone” per continuare a garantire sostegno al bambino. Ma, denuncia, il suo trasferimento all’estero non è mai stato preso in considerazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published.