News

Azzannata e uccisa in casa dai suoi due pitbull: morta donna di 59 anni

Aggredita dai suoi due pitbull dentro casa. È successo lo scorso fine settimana a El Paso, in Texas. La donna di 59 anni è stata trovata morta dalla figlia domenica sera.

Le autorità non appena avvertite si sono recate sul posto. Per gli investigatori gli animali domestici erano ben accuditi con ciotole piene di acqua e cibo. Sebbene la polizia non sia ancora sicura della dinamica dell’incidente, il dipartimento ha confermato nel comunicato diffuso alla stampa; che «tutte le indicazioni proverebbero che siano stati i due cani pitbull ad uccidere la donna». L’El Paso Times ha riferito che i due cani sono stati sequestrati dagli agenti che si occupano del controllo degli animali, mentre il dipartimento ha confermato che che sono ancora incorso le indagini sull’incidente.

Pitbull

Secondo il National Pit Bull Victim Awareness (NPBVA), un’organizzazione a sostegno delle vittime di attacchi di pitbull negli Stati Uniti e in Canada. Sono 31 le persone che sono state uccise dai cani nei primi nove mesi del 2020. Mentre per il 2021 i dati dell’organizzazione mostrano anche che finora ci sono stati 10 morti per attacchi di pitbull; mentre sono stati segnalati 129 incidenti che hanno coinvolto gli animali.

pitbull, che si dividono in quattro sotto-razze distinte, sono discendenti dell’originale cane da caccia inglese che è stato allevato per mordere e trattenere grandi animali intorno al collo.

American Society for the Prevention

Per l’American Society for the Prevention ASPCA questo tipo di cani sono inclini a combattere. «Alcuni pitbull sono stati selezionati e allevati per la loro capacità di combattimento. Ciò significa che potrebbero essere più propensi di altre razze a combattere», scrive l’ASPCA sul suo sito. Tuttavia, l’organizzazione afferma che per la storia di questa razza «i pitbull non possano stare con altri cani o che sono imprevedibilmente aggressivi» anzi a lungo «questi cani sono stati a lungo animali domestici popolari, famosi per la loro gentilezza, affetto e lealtà».

https://www.ilmessaggero.it/

Leggi anche: Il libro: “Hitler e Mussolini. Lettere, documenti, intercettazioni telefoniche”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *