News

Commisso ha la polmonite: torna in Usa

Il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, ha deciso di tornare negli Stati Uniti per una polmonite.

Non assisterà a Bologna-Fiorentina, dunque.

Il patron del club viola ha fatto rientro nel suo paese già nella giornata di mercoledì per curarsi dalla “fastidiosa polmonite” che lo ha colpito nei giorni scorsi.

Altro non è dato sapere: da quel che fa sapere la Fiorentina attraverso una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito, non si accenna al Covid.

A causa delle condizioni climatiche non favorevoli alla guarigione e “alla situazione medica da monitorare”, Commisso ha preso questa decisione, in accordo con lo staff medico viola.

Il presidente della Fiorentina era arrivato in Italia sabato scorso, e aveva assistito alle partite contro l’Empoli e contro la Sampdoria.

Il comunicato della Fiorentina

Questa la nota ufficiale pubblicata dalla Fiorentina sul proprio sito web.

ACF Fiorentina comunica che il Presidente Rocco Commisso, arrivato in Italia già con una  fastidiosa polmonite, d’accordo con lo staff medico della Società e lo staff medico che lo segue in America, ha deciso di rientrare negli Stati Uniti nella giornata di oggi. Le condizioni climatiche non favorevoli e la situazione medica da monitorare hanno suggerito di optare per questa soluzione. La Famiglia Viola augura al suo Presidente un buon rientro”.

Ci uniamo agli auspici per una rapida guarigione del Patron Viola, anche se il clima newyorkese non è migliore di quello toscano, in questa stagione.

Commisso

L’affare Vlahovic

Sul futuro di Vlahovic il Presidente gigliato, era intervenuto a Tutti Convocati su Radio24.

Ha confermando che non ha intenzione di cedere alle pressioni degli agenti del centravanti serbo.

Ancora non siamo alla fine però. Mi hanno criticato perché sono stato trasparente con i tifosi dicendomi che avevo rovinato Vlahovic e la Fiorentina. I numeri dicono il contrario, ha segnato 8 gol dal mio annuncio a ottobre. Ho motivato il ragazzo, vuole dimostrare che è bravo ed è un professionista. Mi piace come ragazzo e sta portando avanti la Fiorentina. Però o Vlahovic, o i suoi agenti o un’altra squadra io non mi faccio ricattare. La Juventus? Io non so se lo può prendere. Voglio dire alla Juventus o all’Arsenal e a tutte le squadre che il padrone di Vlahovic è la Fiorentina devono parlare con noi, non con gli agenti”.

Leggi anche: https://www.adhocnews.it/verso-lobbligo-vaccinale-in-europa/

www.facebook.com/adhocnewsitalia

Leave a Reply

Your email address will not be published.