News

Eiaculare almeno 21 volte al mese riduce il rischio di tumore alla prostata

Secondo un nuovo studio, gli uomini che eiaculano più spesso hanno un rischio inferiore di sviluppare il cancro alla prostata. I ricercatori dell’Università di Harvard hanno analizzato i dati di quasi 32.000 uomini e hanno scoperto che eiaculare almeno 21 volte al mese riduce di un terzo il rischio di sviluppare il tumore.

I legami tra eiaculazione e cancro alla prostata non sono completamente noti. Tuttavia, alcuni credono che l’eiaculazione potrebbe liberare la prostata dagli agenti cancerogeni, ridurre l’infiammazione e anche portare a meno stress e dormire meglio, il che può ridurre il rischio di cancro.

Il cancro alla prostata è il cancro più comune negli uomini

L’American Cancer Society afferma che il cancro alla prostata è il cancro più comune negli uomini statunitensi dopo il cancro della pelle. Si stima che a un uomo su otto verrà diagnosticato un cancro alla prostata nel corso della sua vita.

Nel 2021, si prevede che a più di 248.500 uomini verrà diagnosticato un cancro alla prostata e più di 34.000 moriranno a causa della malattia. Ma il cancro alla prostata in genere cresce lentamente e, se rilevato precocemente mentre è ancora confinato alla ghiandola prostatica, c’è una possibilità di successo del trattamento.

I ricercatori, che hanno pubblicato i loro risultati su European Urology, hanno analizzato i dati auto-riferiti sull’eiaculazione degli uomini che hanno partecipato allo studio. Lo studio è stato condotto dal 1992 al 2010, e gli uomini hanno completato i sondaggi mensilmente.

La frequenza dell’eiaculazione è stata misurata quando gli uomini hanno iniziato lo studio, tra i 20 e i 40 anni. Dopo aver analizzato i dati e averli messi in relazione ad altri fattori, come l’indice di massa corporea, l’attività fisica, il consumo di cibo e alcol e i fattori di stress, hanno determinato che gli uomini che eiaculavano frequentemente – almeno 21 volte al mese – avevano un terzo in meno di probabilità di sviluppare il cancro rispetto quelli che eiaculavano dalle quattro alle sette volte al mese.

Ruolo benefico dell’eiaculazione

«Questi risultati forniscono ulteriori prove di un ruolo benefico dell’eiaculazione più frequente durante la vita adulta nell’eziologia del cancro alla prostata, in particolare per le malattie a basso rischio», hanno scritto gli autori. Il legame tra eiaculazione e cancro alla prostata è stato controverso tra i ricercatori.

Uno studio di Harvard del 2004 non ha trovato collegamenti tra eiaculazione e cancro alla prostata. Uno studio australiano pubblicato nel 2003 ha scoperto che gli uomini che eiaculavano spesso in giovane età adulta crescevano con un rischio ridotto di cancro. E poi uno studio del 2008 condotto dall’Università di Cambridge ha scoperto che i tassi di cancro alla prostata aumentavano insieme alla masturbazione frequente.

«Ci sono stati altri studi contraddittori. Ma la maggior parte di loro concorda sul fatto che c’è una diminuzione dell’incidenza del cancro a basso rischio»; ha detto a Mashable il dottor Odion Aire, un esperto di urologia sudafricano. «Non c’è un verdetto chiaro per il cancro ad alto rischio, dallo studio».

Over 50

Gli uomini che hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro alla prostata hanno più di 50 anni e hanno origini africane. Anche mangiare molti latticini, fumare o essere obesi sono fattori che aumentano il rischio di contrarlo.  Alcuni credono che ci siano anche fattori genetici che rendono alcuni uomini più vulnerabili alla malattia.

Gli esperti raccomandano che gli uomini a rischio di cancro alla prostata conducano test semi-regolari, perché scoprirlo presto potrebbe renderlo più facile da trattare.

Leggi anche: Il libro: “Hitler e Mussolini. Lettere, documenti, intercettazioni telefoniche”

www.facebook.com/adhocnewsitalia

Seguici su Google News: NEWS.GOOGLE.IT

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *