News

Harbisson, l’artista che si è fatto impiantare un’antenna per “sentire” i colori

Per Neil Harbisson, un artista autodefinitosi “cyborg” che vive vicino a Barcellona, il colore è letteralmente musica per le orecchie grazie a un’antenna che ha progettato per superare il daltonismo. Famoso in Spagna e con un seguito internazionale che gli ha permesso di incontrare personaggi come Leonardo di Caprio e Tom Cruise; Harbisson sta ora testando un nuovo dispositivo progettato per sentire fisicamente il passare del tempo.

Nato in Irlanda del Nord con acromatopsia, una condizione rara che gli fa vedere il mondo solo in scala di grigi, Harbisson si è trasferito a Barcellona da bambino; ed è cresciuto ossessionato dal colore e dalle cose che non riusciva a percepire. È stata un’ossessione che ha visto l’ormai trentanovenne britannico alla fine andare sotto i ferri del chirurgo per trasformare la sua identità e la sua vita.

Essere un cyborg

Mentre era al college di musica in Inghilterra, ha sviluppato la sottile asta di metallo che si inarca sopra la sua testa e vibra in base ai colori che rileva. A prima vista sembra una tecnologia indossabile, ma fa parte del suo corpo tanto quanto il naso o le orecchie. E gli dà la capacità di “sentire” il colore che i suoi occhi non possono vedere.

«Essere un cyborg significa che la tecnologia fa parte della tua identità», dice ad AFP. «Mi consente di percepire i colori dall’infrarosso all’ultravioletto attraverso le vibrazioni nella mia testa che poi diventano suoni; così posso effettivamente sentire i colori».

Nel 2004, è riuscito a convincere un chirurgo, che è rimasto anonimo, a trapanare il suo cranio e a inserire la tecnologia che è diventata parte del suo corpo mentre l’osso gli è cresciuto intorno. Il sensore capta la frequenza dei colori e li traduce in suoni che percepisce attraverso la conduzione ossea.

Gli esseri umani normalmente sentono usando la conduzione dell’aria con onde sonore che passano attraverso l’orecchio esterno e medio e fanno vibrare il timpano interno. Ma con la conduzione ossea, le vibrazioni vengono trasmesse attraverso il cranio o la mandibola direttamente all’orecchio interno.

HARBISSON

Colore-suono

L’associazione colore-suono significa anche che sente i colori quando ascolta la musica o persino i discorsi, con ogni sillaba che ha una frequenza che si riferisce al colore. «All’inizio era tutto caotico perché l’antenna non mi diceva: blu, gialla, rosa, mi dava delle vibrazioni e non avevo idea di che colore avessi davanti». «Ma dopo un po’, il mio cervello si è abituato e lentamente è diventato parte della mia percezione ed è diventato normale», ha detto.

Anche se non può essere spenta, l’antenna di Harbisson tace nell’oscurità. Il suo “momento eureka” è arrivato dopo aver sognato “a colori” e aver realizzato che i colori «erano stati creati dal mio cervello e non dal chip».

Harbison è la prima persona a “sentire” le frequenze dei colori come note. Ma la conduzione ossea ha aiutato Beethoven quando ha iniziato a diventare sordo. Il compositore tedesco si rese conto che poteva ancora sentire appoggiando un bastone di legno sul pianoforte mentre mordeva l’altra estremità mentre suonava.

Circa 200 anni dopo, gli apparecchi acustici con ancoraggio osseo funzionano allo stesso modo tramite un impianto metallico inserito nel cranio.

Arte

Nella casa in cui è cresciuto Harbisson e dove vive ancora sua madre, un tripudio di tele colorate rivestono le pareti, la scala è fiancheggiata da “partiture facciali” dall’aspetto curioso di celebrità come Di Caprio e Cruise.

Queste star di Hollywood hanno permesso ad Harbisson di rilevare il “suono” del loro tono della pelle e del colore delle labbra, che sono resi in enigmatiche linee di carbone.

Ma Harbisson sta ora rivolgendo la sua attenzione a un nuovo progetto. Ha creato un dispositivo a forma di un grosso collare di metallo, progettato per percepire il passare del tempo, e sta iniziando un anno di prova per vedere come funziona.

La App per apportare modifiche

«C’è un punto di calore che impiega 24 ore per girare intorno al mio collo e ti permette di sentire la rotazione del pianeta», ha detto all’AFP.

«Una volta che il cervello si è abituato, puoi usare un’app per apportare sottili modifiche alla velocità del punto di calore che dovrebbero alterare la tua percezione del tempo», ha aggiunto. «Potresti potenzialmente allungare il tempo o far sembrare che il tempo stia andando più veloce».

Per ora, è un dispositivo indossabile permanente piuttosto che un impianto. Una precedente incarnazione ha dovuto essere rottamata perché si stava “bruciando” alle 18:00.

«Questa è un’arte che comporta un qualche tipo di rischio, ma è un rischio sconosciuto perché non abbiamo molta storia di corpi e tecnologia che vengono fusi», ha detto.

Leggi anche: https://www.adhocnews.it/tampone-anche-per-i-vaccinati-e-super-green-pass-breve-per-salvare-il-natale/

www.facebook.com/adhocnewsitalia

SEGUICI SU GOOGLE NEWS: NEWS.GOOGLE.IT

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *