News

Migep e SHC scrivono al ministro Orlando: “riconosca subito il lavoro usurante per Operatori Socio Sanitari e altre figure”.

Gli OSS alzano l’asticella. La Federazione Migep e SHC scrivono al ministro Andrea Orlando: “riconosca subito il lavoro usurante per gli Operatori Socio Sanitari e altre figure professionali”.

Dopo il servizio relativo al possibile riconoscimento lavoro usurante per gli Operatori Socio Sanitari e altre figure di, supporto da parte del Ministero del Lavoro ora il MIGEP e SHC OSS buttano benzina sul fuoco: “chiediamo a Lei Ministro di correggere l’errore risalente alla legge 5 febbraio 2018, dove lo status di lavoro gravoso ha riconosciuto diverse categorie senza comprendere gli OSS e altre professioni”.

Lo fa attraverso una lunga missiva indirizzata direttamente al ministro del lavoro Andrea Orlando, esponente del Partito Democratico.

Ecco la lettera del MIGEP.

All’attenzione del Ministro del lavoro Andrea Orlando

Egregio Ministro, il 22 luglio il Parlamento ha approvato la legge di conversione del decreto “sostegni bis” istituendo per l’operatore socio sanitario il ruolo socio sanitario, diventando legge di Stato, riconoscendo il lavoro di questi operatori socio-sanitari e rispondendo alle richieste di questa figura per il loro reale contributo professionale, multidisciplinare e di equipe.

Chiediamo a Lei Ministro di correggere l’errore risalente alla legge 5 febbraio 2018, dove lo status di lavoro gravoso ha riconosciuto diverse categorie senza comprendere gli OSS e altre professioni.

Le scriventi avevano già evidenziato tale anomalia, ma senza avere riscontro, la politica ha disatteso anche il disegno di legge presentato dalla Senatrice Guidolin.

La mancanza di riconoscimento di lavoro gravoso ricade anche su altri 50 mila operatori, ASA, OTA, Infermieri Generici e Puericultrici, che lavorano da oltre trent’anni nel sistema assistenziale (Pubblico – Privato – terzo settore), dimenticati dalle normative.

Attualmente l’allegato A lettera G della legge 205/2017 “addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza” corrisponde alla figura Osa, e non comprende altre figure. Gli operatori che non sono citati (ASA (Ausiliario Socio Assistenziale), OTA (Operatore Tecnico dell’Assistenza), Infermieri Generici e Puericultrici) è preclusa la possibilità di accedere al lavoro usurante pur avendone i requisiti.

Questo riconoscimento, per tutti questi operatori, è un segno importante per portare a compimento il riconoscimento del lavoro gravoso al fine di garantire la specificità della qualifica di questi operatori e di garantire maggiore equità nel sistema dei benefici pensionistici in quanto, questi operatori assumono a norma di legge responsabilità di natura professionale nel sistema assistenziale.

Ci aspettiamo che Lei licenzi un testo accogliendo la nostra istanza, aggiornando e integrando l’allegato A del decreto 5/18 “la classificazione delle occupazioni gravose”, riconoscendo a questi lavoratori un diritto negato. Inoltre, chiediamo che attraverso la commissione tecnica da Lei incaricata di studiare la gravosità delle occupazioni di riconoscere tutte queste figure escluse; poiché si sta creando disparità di trattamento nell’equipe assistenziale, e come giustamente da Lei evidenziato: ” non tutte le mansioni gravose e usuranti sono, infatti, oggi adeguatamente riconosciute e tutelate”.

#Nessuno deve rimanere indietro

Confidiamo, nella Sua Sensibilità Istituzionale e Personale, che il nostro appello non rimanga inascoltato e, nel ringraziarLa per l’attenzione, in attesa di un incontro porgiamo i nostri migliori saluti.

La federazione Nazionale Migep SHC

Angelo Minghetti

Leggi anche:

OSS: sarà riconosciuto lavoro usurante. Parola di ministro Orlando.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *