News

Pietro, OSS: “alcuni Infermieri dovrebbero leggersi dentro e smettere di fare i dittarori”.

Ci scrive Pietro Gentile (OSS) che risponde a Daniela Montaldo (Infermiera): “basta con la dittatura e il nepotismo, serve diventare un’unica squadra nell’interesse dell’Assistito”.

Salve Direttore,

con la presente sono a rispondere alla collega Infermiera Daniela Montaldo. Mi chiamo Pietro Gentile, sono un OSS di origine Abruzzese, da circa quattro anni lavoro presso un Ospedale di Roma capitale.

Finalmente, a partire dal 01/01/2022, sono stato “stabilizzato”, per effetto della “Legge Madia”. Durante questo lungo periodo ho avuto modo di conoscere diverse figure professionali: medici, infermieri, fisioterapisti, psicologi e via discorrendo.

Con ognuno di loro, ho instaurato un rapporto di collaborazione, basato sulla fiducia e il rispetto. Non riesco a capire, il motivo per il quale ancora oggi, alcuni colleghi Infermieri tendono ad assumere comportamenti dittatoriali, da veri e propri tiranni.

Così facendo non risolveremo nulla. Non serve farci la guerra tra noi. Abbiamo bisogno “l’uno degli altri”.

Serve maggiore collaborazione e rispetto reciproco, lo scopo finale e unico per tutte le figure professionali coinvolte.

Ovvero, la cura e l’assistenza al paziente ricoverato.

Ringrazio tutti voi della redazione per il vostro lavoro. Spero vogliate pubblicare quanto riportato nella presente.

Cordiali saluti.

Pietro Gentile, OSS

Leggi anche:

Daniela, Infermiera: “tra un po’ diventeremo personale di supporto agli OSS”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.