News

Ristorante No vax, arrestati i titolari e messi blocchi di cemento all’ingresso

Guardiamo bene cosa è successo in Svizzera per capire cosa accadrà da qui a breve anche da noi. Un ristorante si è rifiutato di sottostare alle norme anti Covid, in tutta risposta la polizia ha arrestato i tre titolari dell’esercizio e ha addirittura piazzato dei blocchi di cemento davanti all’ingresso del locale. Le foto e la notizia hanno subito fatto il giro del mondo creando l’ennesima bufera. Quale altro segno si dovrà passare ancora? Il tutto mentre anche in Italia ora si parla di nuove strette per chi decide di non vaccinarsi.

Il tutto è successo a Zermatt, popolare stazione sciistica e vacanziera ai piedi del versante elvetico del Cervino. I titolari del ristorante in questione, il “Walliserkanne” di Zermatt, dichiarano chiaro e tondo che loro di “chiedere il green pass alla clientela non ci pensano proprio. “Così, dopo qualche richiamo, intervengono prima ordinando la chiusura della Walliserkanne; poi, siccome i titolari si facevano beffe dello stop, organizzando aperitivi sulla soglia del locale, portando in carcere i titolari (marito, moglie e figlio)”. Di più…

Davanti all’ingresso del locale sono stati piazzati cubi di cemento per impedire che a qualcuno venisse di nuovo in mente di aggirare la legge. I giudici, però, hanno ritenuto “non giustificata” la carcerazione rimettendo in libertà i tre indagati e ordinando la rimozione delle barriere davanti al ristorante.

da https://www.ilparagone.it

Leggi anche: https://www.adhocnews.it/tampone-anale-la-commissione-europea-spinge-forte-perche-si-utilizzi/

www.facebook.com/adhocnewsitalia

SEGUICI SU GOOGLE NEWS: NEWS.GOOGLE.IT

Leave a Reply

Your email address will not be published.